Dimostrazione di forza della U14

May 5, 2018

 

 

Winterthur, 5 maggio 2018 - Trasferta lunga per i ragazzi U14 del Rugby Lugano, Valcuvia e Rosafanti. Avversari di giornata Berna/Basile e Zurigo con Winterthur e Sciaffusa (oltre a qualche elemento di Berna e Basilea). Nonostante il lungo viaggio in pullman (con la squadra seniores che si è fermata a Zugo, una gradita prima nella storia del club), i ragazzi sono carichi e si sentono pronti. Novità di giornata: affrontare una squadra mista con elementi femminili.

 

La prima partita contro Berna/Basilea è senza storia: nonostante un avvio un po’ impreciso e un handling poco efficace (alla fine della partita saranno ben 10 gli avanti commessi dai ragazzi), i ragazzi propongono un rugby vivace, fisico e allo stesso tempo spettacolare. Ne esce una partita letteralmente dominata in ogni fase di gioco, condita da 7 mete per l’indiscutibile risultato finale di 41-0.

 

La seconda partita, corretti gli errori di handling, sfiora la perfezione. I ragazzi danno il 100% e, nonostante l’espulsione di Tommaso per ripetuto placcaggio alto, è ancora più spettacolare della prima partita. Gioco in verticale, cross-kick, gioco alla mano e un continuo sostegno producono ben 8 mete (e 2 annullate) quasi tutte sotto i pali, chiudendo il match con un eloquente 52-0.

 

I coach possono essere davvero soddisfatti di questa incredibile giornata. “Rugby champagne” è la definizione che si può dare a quanto espresso dai ragazzi e le nette vittorie sono il premio per il continuo impegno negli allenamenti e la forte crescita tecnico-tattica in questi ultimi mesi. I malcapitati avversari di giornata poco hanno potuto contro un gioco che, almeno per le basi tecniche e tattiche, sfiora la perfezione. Gli errori spesso, come accade per Federer, sono dovuti nel tentativo di trovare nuove soluzioni oppure andare oltre i propri limiti, nel tentativo di evolvere continuamente il proprio gioco. Resta ancora molta la strada per diventare davvero bravi, ma indubbiamente quella imboccata è quella giusta! 

Please reload