Edimen Rugby Lugano passeggia sul prato di casa 87-0

October 29, 2017

 

Partita senza storia oggi a Muzzano tra i ticinesi e Zug, dove Lugano chiude i conti già al ventesimo con la meta del bonus. Avversari in inferiorità numerica per quasi tutto il match e lontani dal poter impensierire i bianconeri. Ne esce una partita con ben 13 mete sul tabellino che poco ha da dire sul piano tecnico.  Lugano che deve fare a meno del samoanao Fiala’a fermo per un problema muscolare, rimescola le carte con Rallo schierato all’ala. Mentre dal primo minuto è un buon Di Rosa a prendere il posto di Cocchiarella. Pur tentando il tutto per tutto Zug non riesce mai ad avvicinarsi alla meta ticinese mentre Lugano segna già ai primi minuti con Seia Delgado, autore anche oggi di un ottimo match e 37 punti personali .  Finisce così la prima parte del campionato con una formula difficile da comprendere e che ha giù mostrato tutte le sue criticità, una su tutte la non conoscenza dei criteri meritocratici che porteranno alla formazione dei prossimi gironi. Ora si attende che il DTN della federazione elvetica, in settimana, definisca la seconda fase che porterà a giugno due finaliste che si contenderanno il passaggio alla Lega superiore. I bianconeri, intanto, finiscono imbattuti il proprio girone di qualificazione,  con 5 vittorie con bonus su altrettanti match, 271 punti realizzati e solo 34 subiti. Prossimo fine settimana di pausa e poi, a seguire, ultima partita del 2017, la prima di andata del nuovo girone.

 

Edimen Rugby Lugano – ZUG RC    87 – 00  (punti 5 - 0)

 

Formazione

15 Mazzi (Monterrubio), 14 Alomia(Cantoni), 13 Bachmann(Pellegrini), 12 Serventi , 11 Rallo , 10 Seia Delgado, 9 Iandiorio (Navas), 8 Vettorel , 7 Agustoni  , 6 Zuger , 5 Gianini , 4  Polti , 3 Santarelli, 2 Pellegrino, 1 Di rosa (Cocchiarella) 

N.E:  0

Marcatori:

Mete: 3 Serventi, 3 Seia Delgado, 2 Pellegrino,  1 Polti, 1 Iandiorio, 1 Mazzi, 1 Bachmann, 1 Rallo 

Trasf. : 11 Seia Delgado 

C.P: 0

Drop: 0

Cartellini:

Bianchi : 0

Gialli: 0

Rossi: 0

Mom: Polti

 

Please reload