Lugano saluta gli Argentini

May 22, 2017

Giovedì sera al termine della sessione di allenamento, con una breve e informale cerimonia e la consegna delle stupende targhe di ringraziamento realizzate da Federico Navas,  tutto il Rugby Lugano ha salutato la partenza per il ritorno in patria dei due argentini di passaggio Juan Gutierrez e Federico Fernandez,ricordiamo che arrivano nel Club per un'esperienza di vita in cambio del solo vitto e alloggio, che aldilà dell'aspetto tecnico hanno portato valori universali del rugby, come il rispetto e l'umiltà. Questo gemellaggio con la terra dei Pumas ha permesso  anche a giocatori luganesi di sperimentarsi nel campionato argentino, uno dei più competitivi del pianeta, esperienza di rugby e di vita con porte aperte per tutti. In una società come quella odierna che riscopre muri e barriere come soluzione a problemi ben più grandi, Lugano accoglie etnie diverse e ne scopre il valore e la ricchezza dell'incontro. Il rugby per chi non lo sa o non lo ricorda è l'unico sport in cui le due Irlande giocano sotto la stessa bandiera, e quando chiesero al capitano della scozia perché nella sua nazionale giocassero come naturalizzati ben otto neozelandesi, rispose al giornalista "perché una volta i neozelandesi erano tutti scozzesi ma nessuno ha mai chiesto agli all black quanti scozzesi schierassero". Aneddoti infiniti raccontano il valore della multiculturalità nel rugby e non solo, e poi c'è il passaggio, essere di passaggio non vuol dire non lasciare traccia, è come un bel passaggio che ti porta alla meta, o un brutto passaggio che ti dimentichi subito dopo. Nel gioco di parole tra passaggio della palla ed essere di passaggio, quello che conta è che sia sempre un buon passaggio, il gesto per antonomasia del rugbista, il valore assoluto della vita, essere di passaggio...

Grazie a tutti i ragazzi di ogni razza e cultura che passano dal rugby Lugano, ogni giorno arricchiscono la nostra esistenza non solo di rugbisti.

 

ABC

 

Domenica   21/05   ore 15        Lugano - Lausanne Alba

Please reload